sopravvisuto all'asteroide che spazzo' via i dinosauri 66 milioni di anni fa - esoterismo,filosofia,ricette del benessere,yoga,spiritualità,buddhismo,meditazione,benessere dell'anima,risveglio,alieni e fantasmi

Vai ai contenuti

Menu principale:

sopravvisuto all'asteroide che spazzo' via i dinosauri 66 milioni di anni fa

CURIOSITA'
Sopravvissuto all’asteroide che spazzò via i dinosauri


Ricercatori di Porto Rico hanno scoperto che i curiosi solenodonti di Hispaniola sono sopravvissuti all’asteroide che spazzò via i dinosauri non aviani 66 milioni di anni fa.
Da allora hanno vissuto isolati su due isole caraibiche.

Il solenodonte di Hispaniola o agouta (Solenodon paradoxus), un curioso mammifero notturno che ricorda un grosso toporagno, è sopravvissuto all'impatto dell'asteroide che 66 milioni di anni fa, nel Tardo Cretaceo, provocò l'estinzione dei dinosauri non aviani. Lo ha determinato un team di ricerca dell'Università di Porto Rico a Mayagüez, dopo aver condotto un approfondito esame del suo corredo genetico.

Gli studiosi, coordinati dal dottor Taras Oleksyk, non hanno avuto vita facile nella raccolta dei campioni per effettuare il sequenziamento del genoma, dato che questa elusiva creatura esce solo di notte nei remoti habitat di due isole caraibiche: Hispaniola, dalla quale prende il nome, e Cuba. Per questo gli zoologi hanno avuto bisogno del supporto dei colleghi dell'Instituto Tecnológico de Santo Domingo, dell'Universidad Autónoma de Santo Domingo e soprattutto delle esperte guide locali, per rintracciare qualche esemplare.


Dalle analisi di laboratorio è emerso che il solenodonte di Hispaniola si è separato dagli altri mammiferi 73,6 milioni di anni fa, una decina di milioni di anni prima che Chicxulub – un asteroide da 10 chilometri di diametro – cadesse nel Golfo del Messico, sterminando il 75 percento delle specie animali che vivevano sulla Terra. I solenodonti invece sopravvissero, e grazie al notevole isolamento geografico hanno resistito sino ad oggi. Dall'analisi del genoma hanno anche scoperto che la popolazione settentrionale e quella meridionale si sarebbero separate come sottospecie circa 300mila anni fa, dunque sono necessarie misure di tutela specifiche per ciascuna di esse.

La ricerca è stata condotta anche perché questi animali sono seriamente a rischio estinzione, a causa della distruzione del loro habitat e dell'introduzione di predatori da parte dell'uomo, come cani, gatti e manguste. Non a caso sono classificati con codice EN (in pericolo di estinzione) nella Lista Rossa dell'IUCN. I solenodonti di Hispaniola somigliano a grossi roditori, raggiungendo un chilogrammo peso per 70 centimetri di lunghezza (coda compresa). Hanno occhi molto piccoli (la loro vista è scarsa), forti artigli e un muso allungato con una piccola proboscide, che usano per cacciare le loro prede preferite: ragni, insetti, vermi e altri invertebrati. Si tratta di una delle pochissime specie di mammifero velenose – come il buffo ornitorinco, che potrebbe salvarci dai super batteri col suo latte -, inoltre le femmine hanno solo due mammelle nella parte posteriore dell'addome.


 
Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu