MAGIA DELLE CANDELE – PRATICHE ESOTERICHE - esoterismo,filosofia,ricette del benessere,yoga,spiritualità,buddhismo,meditazione,benessere dell'anima,risveglio,alieni e fantasmi

Vai ai contenuti

Menu principale:

MAGIA DELLE CANDELE – PRATICHE ESOTERICHE

MAGIA ALCHIMIA
Entriamo ora nel vivo della pratica. Ricordate che la magia delle candele nella sua essenza è normalmente soggetta a fasi lunari, che andranno rispettate in ragione del proposito che si persegue. Vi invitiamo a consultare il testo Botanica Magica edito da Il Crogiuolo® per avere una panoramica completa delle fasi lunari e della loro simbologia a livello esoterico. Il giorno in cui operare si segue in ragione dell’entità con cui si intende lavorare. La pratica basica di richiesta avviene in questo modo. Scrivere la petizione su un listello di carta pergamena vergine o carta da pane (se si opera nelle pratiche popolare o vudù). Mettere il foglietto in un piatto bianco. Si sceglie un cero del colore appropriato alla richiesta e lo si veste con un olio esoterico adatto al proposito, quindi si cosparge la candela di polveri esoteriche che sintetizzano la richiesta. Si potrà seguire una cabala di una, tre o sette polveri. A questo punto si appoggia la candela sul piatto ed a lato si mette un cero di eguale dimensione dedicato all’entità che si intende invocare, vestito di olio appropriato. Il piatto si mette davanti all’immagine dell’entità. Si accendono le candele, prima quella dedicata al santo e successivamente quella che rappresenta la richiesta recitando un’orazione al santo o una preghiera innalzata col cuore, quindi si lasciano consumare i ceri. Una volta terminata la combustione di entrambi i resti possono essere portati invariabilmente ad un incrocio di quattro strade, in uno degli angoli (se si opera con un santo o un’entità vudù) oppure nel luogo di axè dell’entità invocata (nel caso di umbanda o quimbanda). Qualora non fosse possibile si potranno abbandonare i resti in un bel prato (per le opere positive) o in un luogo infestato da rovi o piante spinose (nelle opere negative).
Ottenuta soddisfazione, qualora si sia operato mediante un’entità, è esempre bene eseguire un’offerta di ringraziamento, che varia in ragione della tradizione in cui si opera.
Questo è il procedimento basico di lavoro su cui potrete apportare tutte le variazioni possibili in base alla vostra esperienza ed in base alla vostra sensibilità. Durante la combustione è utile monitorare la ritualistica controllando come bruciano le candele per avere lumi sulla propria richiesta. Vediamo ora una serie di pratiche semplici che servono da esempio per avere una panoramica più completa sulle pratiche rituali delle candele.

 
Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu