Il Significato del Simbolo della Svastica e i Suoi 12.000 Anni di Storia - esoterismo,filosofia,ricette del benessere,yoga,spiritualità,buddhismo,meditazione,benessere dell'anima,risveglio,alieni e fantasmi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Significato del Simbolo della Svastica e i Suoi 12.000 Anni di Storia

Il Significato del Simbolo della Svastica e i Suoi 12.000 Anni di Storia
La svastica, come tutti sappiamo, è un simbolo usato da uno degli uomini più odiati sulla Terra, un simbolo che rappresenta il massacro di milioni di persone e una delle guerre più distruttive sulla Terra.
Ma Adolf Hitler non fu il primo a usare questo simbolo.
Infatti (e questo pochissimi lo sanno) il simbolo della svastica è stato da sempre usato migliaia di anni prima di lui, attraverso molte culture e continenti.
Indù e Buddisti
Per gli indù e i buddisti in India e in altri paesi asiatici, la svastica è un simbolo importante da diverse migliaia di anni e, fino ad oggi, il simbolo della svastica può ancora essere visto in abbondanza su templi, autobus, taxi e sulla copertina di libri.
Nel buddismo, la svastica è un simbolo di buona fortuna, prosperità, abbondanza ed eternità. È direttamente collegato al Buddha e può essere trovato scolpito su statue sulla pianta dei suoi piedi e sul suo cuore. Si dice che contenga la mente di Buddha.
Antica Grecia
Veniva usato anche nell’antica Grecia e si trova nei resti dell’antica città di Troia, che esisteva ben 4000 anni fa.
Nell’antica Grecia Pitagora usava la svastica sotto il nome di “Tetraktys” ed era un simbolo che collegava cielo e terra, con il braccio destro che indicava il cielo e il suo braccio sinistro che puntava verso la Terra.
Antichi Druidi e Celti
Anche gli antichi Druidi e Celti usavano il simbolo della svastica recuperato in molti manufatti.
Norreni e Cristiani
La svastica veniva usato dalle tribù scandinave e persino i primi cristiani la usavano come uno dei loro simboli, inclusi i cavalieri teutonici, un ordine militare medievale tedesco, che divenne un ordine cattolico puramente religioso.
Nei miti nordici , Odino è rappresentato mentre viaggia attraverso lo spazio come un disco vorticoso o una svastica che guarda attraverso tutti i mondi. Nel Nord America, la svastica era usata dai Navajo.
Fenici
È stato usato dai Fenici come simbolo del Sole ed era un simbolo sacro usato dalle sacerdotesse.
Significato del Simbolo della Svastica
La parola “svastica” è una parola sanscrita (“svasktika”) che significa “È”, “Benessere”, “Buona Esistenza” e “Buona fortuna”. Tuttavia, è anche conosciuto con nomi diversi in diversi paesi – come “Wan” in Cina, “Manji” in Giappone, “Fylfot” in Inghilterra, “Hakenkreuz” in Germania e “Tetraskelion” o “Tetragammadion” in Grecia.
Uno studioso della lingua del sanscrito PR Sarkar nel 1979 affermò che il significato più profondo della parola è “Vittoria permanente”. Ha anche detto che come qualsiasi simbolo può avere un significato positivo e negativo a seconda di come viene disegnato.  verso l’alto.
Il simbolo della svastica più antico è stata scoperto a Mezine, in Ucraina, scolpito su una statuetta d’avorio, che risale a ben 12.000 anni fa!
Una delle prime culture che hanno conosciuto la Svastica era una cultura neolitica nel Sud Europa (ora Serbia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina) conosciuta come la Cultura di Vinca, che risale a circa 8000 anni fa.
Sulle pareti delle catacombe cristiane di Roma, il simbolo della svastica appare accanto alle parole “ZOTIKO ZOTIKO” che significa “Vita della vita”. Può anche essere trovato sulle aperture delle finestre delle misteriose chiese rupestri di Lalibela in Etiopia e in varie altre chiese in tutto il mondo.
Hai potuto scoprire come in realtà questo simbolo rappresenti qualcosa di completamente diverso rispetto a ciò che hai sempre creduto. E’ un vero peccato che un simbolo di vita ed eternità considerato sacro per migliaia di anni sia diventato un simbolo di odio.
Anche questo simbolo, come molti altri può essere utilizzato in diversi modi per migliorare la tua vita.
 
Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu