Come contattare gli angeli in pratica - esoterismo,filosofia,ricette del benessere,yoga,spiritualità,buddhismo,meditazione,benessere dell'anima,risveglio,alieni e fantasmi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come contattare gli angeli in pratica

Come contattare gli angeli in pratica
DI ANIMA MILLENARIA PUBBLICATO IL 17 NOVEMBRE 2017

SINTONIZZARSI
Per entrare in relazione con una persona e diventarne amica dobbiamo essere compatibili con essa. Così è anche per gli Angeli.
Essi vivono in una dimensione sacra, di Luce, Amore, Potere e Dolcezza. E noi dobbiamo creare nella nostra vita abitudini di consacrazione, di Luce, di Amore di potere e di dolcezza.

E’ vero che in genere decidiamo di contattare gli Angeli quando siamo disperati, ma per entrare in sintonia con Loro dobbiamo avere Fiducia di Poterne venire fuori: questo è sintonizzarsi con il Loro Potere.

Per riuscire meglio a contattare gli Angeli è bello anche provare Amore per Loro e chiedere con gentilezza, senza pretese.

DUE ESERCIZI UTILI DI MEDITAZIONE E VISUALIZZAZIONE

Per arrivare a ciò occorre creare abitudini e dedicare momenti della giornata alla Luce. Ecco una semplice Meditazione sulla Luce, che prende pochi minuti: vediamoci illuminati dal sole e immaginiamoci inondati dalla sua Luce. Entriamo in sintonia con la Luce, identifichiamoci con essa, riempiamoci di Luce e sentiamoci Luce. A questo punto possiamo invitare la Luce a risiedere nel nostro corpo e nelle nostre case in modo da tenere sveglia e attiva la nostra identità di Luce, che è la parte di noi capace di contattare  gli Angeli e dialogare con Loro.

Un altro modo per contattare gli Angeli è visualizzarli nella Loro Luce. Come ce li immaginiamo? Immaginiamo di averli vicini a noi. Come ci sentiamo?
Ognuno ha dentro di sé un’idea personale di cosa sia un Angelo, di come ci si sente in Sua compagnia e in presenza della Sua Luce. È utile diventare consapevoli di queste idee interiori, familiarizzare con gli Angeli e con le idee sugli Angeli che abbiamo dentro di noi. Quando dico idee non intendo giudizi, del tipo “non esistono, sono solo fantasie, io non riesco mai a vederli”. Intendo un approccio del tipo: “se esistessero, come sarebbero, come mi immagino che possano essere? Come mi sentirei se avvertissi la Loro presenza vicino a me? Come sarebbe la mia vita se ogni volta che ho bisogno di un aiuto o di una guida riuscissi a contattare gli Angeli?”
contattare gli angeli
Si comincia così, cercando di avvicinarsi, di essere compatibili e in sintonia. L’immaginazione è utile per immaginarsi di averli vicini, di essere circondati, abbracciati, avvolti, guidati. Con un pizzico di disponibilità a fare questa esperienza si può cominciare ad avvertire qualcosa: una vibrazione, Pace, Serenità… Se si ha fede, è tutto più semplice. Ma non è detto, perché ci sono due livelli dentro di noi e non sempre ne siamo consapevoli. Per cui alcuni si credono grandi razionalisti pieni di dubbi, ma al momento giusto scoprono in sé un antico contatto, che si svela nella loro vita. Per contro ci sono persone di fede che nascondono molte paure e sensi di colpa e fanno fatica a contattare gli Angeli, perché concepiscono Dio e le Entità Divine molto lontani da se stessi oppure come dei giudici moralisti.
CHIEDERE
Tutto comincia da un bisogno. Noi cerchiamo di contattare gli Angeli perché mossi da un bisogno, possiamo avere bisogno di aiuto per noi o per una persona cara, di risposte, di consigli, di consolazione, di affetto o solo di confidare le nostre pene a una presenza amica…. Loro possono soddisfare tutte queste richieste.Possiamo e dobbiamo chiedere agli Angeli: sono qui per aiutarci, ma se non chiediamo non possono fare nulla per noi.

COME CHIEDERE?

Scrivere una lettera a Dio e agli Angeli o a un Angelo preciso, metterla via e rileggerla il giorno dopo, “ascoltando” in modo sottile se ci sono già arrivate delle risposte senza che ce ne fossimo accorti o se ci arrivano risposte sul momento
Accendere una candela è un modo per stabilire il contatto e segnalare che vogliamo comunicare con Loro. Mentre lo facciamo ripetiamo sette volte il nome dell’Angelo, se lo conosciamo, oppure chiediamo a Dio di inviarci l’Angelo giusto per noi. Poi chiediamo, apriamo il nostro cuore
Pregare in un luogo tranquillo
Creare uno spazio sacro o un altare in casa propria e recarsi lì per chiedere
Passeggiare in mezzo alla natura dialogando con gli Angeli
Mantenere vivo un dialogo con gli Angeli e con Dio in tutti i modi che ci vengono in mente

ACCORGIMENTI PER CONTATTARE GLI ANGELI:
Chiedere con Amore e senza pretese
Chiedere tutto anche le cose che ci sembrano più banali e materiali, poiché dietro a ogni difficoltà che viviamo c’è un nodo evolutivo dell’Anima che deve essere sciolto
Alla fine di ogni richiesta possiamo essere sicuri che è stata accolta e ringraziare: questo ci permetterà di ricevere ciò che ci viene dato, che spesso è impercettibile e sottile, altrimenti la mente e il cuore potrebbero chiudersi alla possibilità di comprendere cosa ci viene dato.
Teniamo presente che non sempre ci viene dato ciò che chiediamo, ma sempre ci viene dato ciò di cui abbiamo bisogno per la nostra evoluzione e felicità. Partiamo dal presupposto che non sempre sappiamo quale sia la nostra vera Felicità a livello spirituale. Siamo bombardati da condizionamenti che ci inducono a volere cose che sono in conflitto tra loro dentro di noi. Gli Angeli ci offrono esperienze per sanare quel conflitto. Quindi ci sarà poi un lavoro da fare. Gli Angeli ci aiutano, ma non fanno il lavoro al posto nostro. La responsabilità di evolvere è nostra

COME COMPRENDERE LE RISPOSTE E I MESSAGGI
Occorre
Affinare le percezioni sottili
Stare attenti ai segnali intorno a noi
A volte la risposta è una forma di pace che disperde il nostro turbamento
In genere i primi messaggi degli Angeli tendono a dirci di non temere: il Loro scopo è proprio quello di liberarci dalle paure e di darci fede
Se ci sembra che non abbiamo ricevuto risposte, chiediamoci: “se le avessi ricevute, le risposte sarebbero… e scriviamo ciò che ci viene in mente di getto. Poi rileggiamo”
Dobbiamo imparare a fidarci di noi e del nostro intuito

CONCLUSIONE
Abbiamo l’opportunità di considerare Dio e le Entità Divine come i nostri migliori Amici e di godere di questa compagnia. Non sprechiamola. Con pazienza e determinazione, dedichiamo del tempo nelle nostre giornate a contattare gli Angeli. Se ne siamo attratti, abituiamoci a dialogare con Loro, ma anche a dare Loro l’attenzione, cercare di conoscerli, di capire il Loro mondo, la Loro Realtà, il Loro modo di vedere le cose: in questo modo impareremo molto su di noi e sulla nostra identità spirituale. E infine, non dimentichiamo di “sentire” la Loro Energia: ci accorgeremo che gli Angeli sono diversi gli uni dagli altri, ognuno è un messaggero specializzato di specifiche Qualità Divine e dell’Anima.

GUARDA IL VIDEO

 
Cerca
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu